logo ServettoCose

Condizioni generali di vendita

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON LINE BENI DI CONSUMO

Versione giugno 2022

Identificazione del Fornitore

I beni oggetto delle presenti condizioni generali sono posti in vendita dalla Servetto S.r.l. con sede in Bovisio Masciago (MB), via Brughetti, n. 32, iscritta presso la Camera di Commercio di Monza e Brianza al n. 01144120159 del Registro delle imprese, codice fiscale n. 01144120159 partita IVA n. 00704600964 di seguito indicata come «Fornitore»

1) DEFINIZIONI

1.1 L'espressione «contratto di vendita on line», identifica il contratto di compravendita relativo ai beni mobili materiali del Fornitore, stipulato tra questi e l'Acquirente nell'ambito di un sistema di vendita a distanza tramite strumenti telematici, organizzato dal Fornitore e realizzato in piena conformità alla normativa in materia di vendita a distanza ed in particolare agli artt. 45 e segg. Del Codice del Consumo (D.lgs n. 206 del 6/9/2005 e successive modifiche)

1.2 Con l'espressione “Acquirente”, in assenza di ulteriori specificazioni, s’intende sia il consumatore, persona fisica che compie l'acquisto, di cui al presente contratto, per scopi non riferibili all'attività commerciale o professionale eventualmente svolta, sia il professionista, ossia la persona fisica o giuridica che agisce nell’esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario, salvo che sia diversamente specificato il riferimento al solo consumatore ovvero al solo professionista.

1.3 Con l’espressione «Fornitore» si intende il soggetto indicato in epigrafe.

1.4.Le presenti condizioni generali di vendita a distanza devono essere accuratamente esaminate dall’acquirente – consumatore prima del completamento della procedura d’ acquisto a distanza dei prodotti “servetto”. L’effettuazione dell’ordine di acquisto attraverso il sito internet www.servettocose.com implica totale e assoluta conoscenza delle presenti condizioni generali di vendita e loro integrale accettazione: l’acquirente – consumatore con l’inoltro dell’ordine d’acquisto al attraverso il citato sito internet, accetta incondizionatamente, e si obbliga ad osservare nei suoi rapporti con Servetto s.r.l., le presenti condizioni generali di vendita, nonché le condizioni di pagamento di seguito illustrate, dichiarando di aver preso visione ed accettato tutte le indicazioni allo stesso fornite, e prende altresì atto che il Fornitore – Servetto S.r.l. non si ritiene vincolato a condizioni diverse dalle presenti se non preventivamente concordate per iscritto.

1.5.Le presenti condizioni generali di vendita a distanza possono essere stampate e conservate da qualsiasi soggetto che abbia visitato il sito internet www.servettocose.com e sono da considerare applicabili ed in vigore fintantoché le stesse risultino accessibili dal detto sito internet. L’eventuale eliminazione delle presenti condizioni generali di vendita a distanza dal sito internet www.servettocose.com implica l’automatica ed irrevocabile inapplicabilità, inefficacia ed inopponibilità alla Servetto S.r.l. delle stesse in relazione ad acquisti effettuati successivamente alla loro eliminazione dal sito, e ciò anche nel caso in cui dette condizioni generali risultassero comunque consultabili e/o accessibili al pubblico attraverso altri siti internet diversi da quello sopra indicato.

2) OGGETTO DEL CONTRATTO

2.1 Con il presente contratto, rispettivamente, il Fornitore- Servetto S.r.l., proprietaria del marchio "Servetto" vende e l'Acquirente acquista a distanza tramite strumenti telematici i beni mobili materiali indicati ed offerti in vendita sul sito www.servettocose.com.

2.2 I prodotti di cui al punto precedente sono illustrati nella pagina web: www.servettocose.com.

3) ORDINE DEI PRODOTTI

3.1 L'ordine del prodotto viene effettuato con le seguenti modalità: l’Acquirente dovrà selezionare il prodotto desiderato e cliccare sul pulsante “Aggiungi al carrello”. Una volta inseriti nel carrello tutti i prodotti desiderati, l’acquirente dovrà selezionare, cliccando sull’apposita tendina, il Paese di consegna e poi cliccare sul pulsante “Acquista”. Dovrà poi registrarsi, indicando anche un valido indirizzo email - prendendo visione dell’informativa sulla Privacy e Cookie e delle Condizioni Generali di Vendita - oppure accedere se è già registrato; dovrà poi cliccare sul pulsante “Acquista”. Si dovrà poi scegliere il tipo di spedizione: tramite corriere espresso oppure il ritiro presso Servetto S.r.l., e scegliere il tipo di pagamento (carta di credito, PayPal e bonifico bancario anticipato) e poi cliccare su “Conferma”. L’ordine è concluso:

- con carta di credito Visa, Mastercard/Maestro portando a termine la procedura di pagamento prevista dal circuito di pagamento;

- con Paypal portando a termine la procedura prevista sul sito Paypal;

- con l’esecuzione del bonifico bancario anticipato da conto corrente intestato/cointestato al soggetto che effettua l’acquisto.

3.2 A seguito della conferma d’ordine da parte dell’Acquirente, il sistema invierà automaticamente un messaggio di posta elettronica, contenente le condizioni generali di contratto, l’informativa sulla privacy e il Numero Ordine del Cliente, che dovrà essere utilizzato in ogni ulteriore comunicazione.

3.3 La Servetto S.r.l., verificato l’accredito del pagamento, e l'effettiva disponibilità a magazzino della merce richiesta, provvederà entro trenta giorni alla spedizione ovvero ad indicare il giorno del ritiro presso l’azienda, qualora sia scelta tale ultima modalità.

3.4 La Servetto S.r.l. si riserva la facoltà di valutare l’accettazione degli ordini ricevuti. Essa comunicherà all’Acquirente l’eventuale impossibilità di accettare l’ordine, entro 30 giorni, decorrenti dal giorno successivo a quello in cui il l’Acquirente ha trasmesso il medesimo al Fornitore e provvederà al rimborso delle somme eventualmente già corrisposte dall’Acquirente, in relazione ad esso.

3.5. L'Acquirente s’impegna, una volta conclusa la procedura d'acquisto on line, a provvedere alla stampa ed alla conservazione del presente contratto.

3.6. L’acquirente s’impegna ad inserire dati e nomi veritieri nella procedura d’ordine, manlevando sin d’ora la Servetto S.r.l. da ogni responsabilità, derivante dall'emissione di documenti fiscali errati e/o ritardi nella consegna, imputabili ad errori sui dati forniti direttamente dall’Acquirente, essendo quest’ultimo unico responsabile del corretto inserimento.

3.7 Le informazioni contenute in questo contratto devono essere visionate ed accettate dall'Acquirente, che ne dà atto, in quanto questo passaggio viene reso obbligatorio prima della conferma di acquisto.

4) PREZZI

4.1 Tutti i prezzi di vendita dei prodotti esposti ed indicati all'interno del sito Internet www.servettocose.com, sono espressi in euro e sono comprensivi di I.V.A. e di ogni altra imposta, ad eccezione del dazio doganale che, se dovuto, in quanto richiesto dal Paese di importazione, è espressamente escluso dal prezzo di vendita, rimane a  carico dell’Acquirente e viene indicato nella procedura di acquisto prima del pagamento e dell’inoltro dell’ordine da parte dell’Acquirente .

4.2 I costi di spedizione, pur non ricompresi nel prezzo di acquisto, sono a carico dell’Acquirente ed indicati e calcolati nella procedura di acquisto prima dell’inoltro dell’ordine da parte dell’Acquirente.

4.3 In conformità a quanto disposto all’art. 51 co. 7 del Codice del Consumo, l’Acquirente -Consumatore riceve, dopo la conclusione del contratto, la conferma scritta del prodotto ordinato, del suo prezzo, dell’importo totale dell’ordine, con esclusione dell’importo, se dovuto, a titolo di  dazio doganale, e, all’interno delle Condizioni Generali di Vendita, l’informativa sull’esistenza del diritto di recesso, con l’indicazione dei tempi e delle modalità per la restituzione del bene, dell’indirizzo per presentare eventuali reclami, delle informazioni sui servizi di assistenza, sulle garanzie legali e commerciali esistenti.

5) MODALITA’ DI PAGAMENTO E RIMBORSO

5.1 Ogni pagamento da parte dell'Acquirente potrà avvenire per mezzo delle modalità indicate nel precedente art. 3 delle presenti condizioni generali di contratto.

Nel caso in cui, per qualsivoglia motivo, l’addebito degli importi dovuti dall’Acquirente non avvenga, il processo di vendita verrà annullato e la vendita cancellata.

5.2 Nel caso in cui il l’Acquirente, al momento dell’inoltro dell’ordine, avesse indicato di voler effettuare il pagamento mediante bonifico bancario, lo stesso potrà utilizzare le coordinate bancarie che compariranno sulla schermata al momento della scelta della modalità di pagamento tramite bonifico bancario. Il pagamento dovrà pervenire a Servetto S.r.l. nei successivi 10 giorni. I prodotti saranno preparati per la spedizione non appena il pagamento sarà stato ricevuto: nel caso in cui il pagamento non sia stato ricevuto entro il termine di 10 giorni, l’ordine si considererà cancellato.

5.3 Ogni eventuale rimborso all’Acquirente verrà accreditato, mediante bonifico bancario alle coordinate che verranno trasmesse dall’Acquirente, in modo tempestivo e, in caso di esercizio del diritto di recesso con i tempi e le modalità indicate nel successivo articolo 9.

5.4 Tutte le comunicazioni relative ai pagamenti avvengono su una apposita linea del Fornitore protetta. Il Fornitore garantisce la memorizzazione di queste informazioni con un ulteriore livello di protezione ed in ossequio di quanto previsto dalla vigente disciplina in materia di tutela dei dati personali con particolare riferimento al GDPR 2016/679.

6) TEMPI E MODALITÀ DELLA CONSEGNA

6.1 La Servetto S.r.l. provvederà a recapitare agli Acquirenti i prodotti selezionati ed ordinati, mediante corrieri e/o spedizionieri di fiducia, all’indirizzo indicato dall’Acquirente nella registrazione del pagamento dell’ordine relativo.

6.2. In conformità al disposto normativo di cui all’art. 61 del Codice del Consumo, Servetto S.r.l eseguirà l’ordine dei prodotti entro e non oltre 30 giorni dalla data di ricevimento del prezzo di acquisto, salvo che Servetto S.r.l. non comunichi – entro lo stesso termine - la mancata accettazione dell’ordine ai sensi del precedente articolo 3.4.

6.3. I tempi di consegna (salvo cause non direttamente imputabili a Servetto S.r.l.) possono variare da un minimo di cinque ad un massimo di trenta giorni dal ricevimento dall’accredito del prezzo dell’ordine. Per il rispetto del termine massimo di consegna si intende valida la data relativa al primo tentativo, da parte del corriere, di recapito della merce all'indirizzo del destinatario (anche se la consegna non avviene per assenza del destinatario o per un suo rifiuto della merce).

6.4 Nel caso in cui, al momento della consegna, l’aspetto esteriore del pacco presenti delle imperfezioni, l’Acquirente o la persona che ha ricevuto il prodotto deve procedere all’apertura del pacco stesso in presenza del trasportatore, per verificare lo stato del prodotto ivi contenuto. Nel caso in cui il prodotto si presenti danneggiato, l’Acquirente (o comunque il ricevente) deve dettagliare per iscritto, sulla bolla di consegna, tutti i danni rilevati. Eventuali reclami dovranno essere inoltrati con le modalità previste dal successivo articolo 10.

6.5. L’Acquirente ha la possibilità di scegliere l’opzione “Ritiro presso Servetto S.r.l.” al momento del suo ordine. La messa a disposizione in azienda dell’articolo acquistato dall’Acquirente avverrà nei tempi e termini comunicati da Servetto S.r.l., tramite e-mail, e comunque entro giorni trenta dall’accredito del prezzo dell’ordine. Dalla data della comunicazione via email, l’Acquirente dispone di un termine di 30 giorni per recarsi a ritirare l’articolo.

Al momento del ritiro dell’articolo in azienda, l’Acquirente dovrà presentare l’email di messa a disposizione dell’articolo in azienda, nonché un documento identificativo valido, provvisto di foto. Una verifica dell’identità dell’Acquirente sarà effettuata dal Fornitore, con eventuale contestuale copia di tale documento identificativo, sia nel caso in cui si rechi personalmente in azienda l’Acquirente, sia nel caso in cui quest’ultimo deleghi un soggetto terzo del ritiro. L’acquirente ha infatti la possibilità di richiedere a una persona di propria scelta di effettuare il ritiro dell’articolo al suo posto e per suo conto. Al soggetto terzo incaricato, il Fornitore richiederà l’esibizione della carta di identità, nonché dell’email di messa a disposizione dell’articolo in azienda ricevuta dall’Acquirente. La Servetto s.r.l. potrà effettuare delle copie di tutti i suddetti documenti, al fine di garantire la sicurezza dell’Acquirente e di prevenire qualsiasi utilizzo fraudolento della sua identità e/o dei suoi mezzi di pagamento, fornendo anche al soggetto incaricato del ritiro adeguata informativa ai sensi del del GDPR 2016/679.

L’articolo acquistato sarà consegnato all’Acquirente dietro sottoscrizione di una ricevuta.

Trascorso il termine essenziale di 30 giorni a partire dall’invio all’Acquirente, da parte di Servetto S.r.l., dell’email che comunica la messa a disposizione del suo articolo per il ritiro in azienda, la vendita si considererà risolta di diritto. L’Acquirente sarà quindi rimborsato del prezzo del suo ordine.

6.6. Le consegne vengono effettuate su tutto il territorio italiano e nei seguenti Paesi:

  1. Austria
  2. Belgio
  3. Bulgaria
  4. Croazia
  5. Danimarca
  6. Estonia
  7. Finlandia
  8. Francia
  9. Irlanda
  10. Lettonia
  11. Lituania
  12. Lussemburgo
  13. Malta
  14. Olanda
  15. Polonia
  16. Portogallo
  17. Repubblica Ceca
  18. Repubblica di San Marino
  19. Romania
  20. Slovacchia
  21. Slovenia
  22. Spagna
  23. Svezia
  24. Svizzera
  25. Ungheria.

7) DISPONIBILITÀ DEI PRODOTTI

7.1 La disponibilità del prodotto è soggetta a modifiche dipendenti dagli ordini dei clienti.

7.2 Qualora un ordine dovesse superare la quantità esistente nel magazzino, il Fornitore, tramite posta elettronica, renderà noto all'Acquirente, nei termini previsti dall’art. 3.4, se il bene non sia più prenotabile ovvero quali siano i tempi di attesa per ottenere il bene scelto, chiedendo se intende confermare l'ordine o meno.

8) LIMITAZIONI DI RESPONSABILITÀ

8.1 Il Fornitore non assume alcuna responsabilità per disservizi imputabili a causa di forza maggiore e/o caso fortuito, quali incidenti, furti rapine al corriere incaricato della consegna, incendi, esplosioni, scioperi, serrate, terremoti, alluvioni e altri similari eventi che impedissero, in tutto o in parte, di dare esecuzione all’ordine nei tempi e nei modi previsti dal contratto.

8.2 Il Fornitore non potrà ritenersi responsabile verso l’Acquirente, salvo il caso di dolo o colpa grave, per disservizi o malfunzionamenti connessi all’utilizzo della rete internet al di fuori del controllo proprio o di suoi sub-fornitori.

8.3 Il Fornitore non sarà inoltre responsabile in merito a danni, perdite e costi subiti dall’Acquirente a seguito della mancata esecuzione del contratto per cause a lui non imputabili, avendo l'Acquirente diritto soltanto alla restituzione integrale del prezzo corrisposto, dedotte le spese di spedizione

8.4 Il Fornitore non assume alcuna responsabilità per l'eventuale uso fraudolento ed illecito che possa essere fatto da parte di terzi, delle carte di credito, assegni ed altri mezzi di pagamento, all'atto del pagamento dei prodotti acquistati, qualora dimostri di aver adottato tutte le cautele possibili in base alla miglior scienza ed esperienza del momento ed in base alla ordinaria diligenza.

9) DIRITTO DI RECESSO

9.1.L'Acquirente - Consumatore ha il diritto di recedere dal contratto stipulato, entro quattordici giorni, conformemente al D.lgs 206/2005 ( Codice del Consumo) senza dover fornire alcuna motivazione, con le modalità sotto indicate e senza dover sostenere costi diversi da quelli di seguito precisati.

9.2. Il periodo di recesso scade dopo 14 giorni dal giorno in cui l'Acquirente – Consumatore o un terzo dallo stesso delegato, diverso dal vettore, ha ricevuto il prodotto ordinato ovvero nel caso di un contratto relativo a beni multipli, ordinati in un solo ordine e consegnati separatamente, dal giorno in cui l'Acquirente – Consumatore o un terzo dallo stesso delegato, diverso dal vettore, ha ricevuto l’ultimo bene ovvero nel caso di un contratto relativo alla consegna di un bene consistente in lotti o pezzi multipli, dal giorno in cui l'Acquirente – Consumatore o un terzo dallo stesso delegato, diverso dal vettore, ha ricevuto l’ultimo lotto o pezzo, presso l’indirizzo indicato all’atto dell’ordine.
Per esercitare il diritto di recesso, l'Acquirente – Consumatore é tenuto ad informare il Fornitore, tramite dichiarazione espressa sottoscritta, inviata, a mezzo raccomandata a.r., alla Servetto S.r.l.,in 20813 Bovisio Masciago, via Brughetti, n. 32 ovvero posta certificata all’indirizzo servetto@pec.itdella decisione di recedere dal presente contratto.

9.3 Per rispettare il termine di recesso, è sufficiente che l'Acquirente – Consumatore invii la comunicazione relativa all'esercizio del diritto di recesso prima della scadenza del periodo di recesso.

9.4.Se l'Acquirente – Consumatore recede dal presente contratto, gli saranno rimborsati tutti i pagamenti che ha effettuato a favore del Fornitore, compresi i costi di consegna, senza indebito ritardo e in ogni caso non oltre 14 giorni dal giorno in cui siamo informati della Sua decisione di recedere dal presente contratto.

Il rimborso é sospeso fino al ricevimento dei beni da parte della Servetto S.r.l.

Detti rimborsi saranno effettuati a mezzo bonifico bancario alle coordinate che verranno indicate dall’Acquirente – Consumatore, che, in ogni caso, non dovrà sostenere alcun costo quale conseguenza di tale rimborso.

9.5 Se l’Acquirente- Consumatore ha ricevuto i beni oggetto del contratto deve restituirli presso la Servetto S.r.l.,in 20813 Bovisio Masciago, via Brughetti, n. 32, senza indebiti ritardi e in ogni caso entro 14 giorni dal giorno in cui ha comunicato al Fornitore il suo recesso dal presente contratto.

Il termine è rispettato se l’Acquirente – Consumatore riconsegna i beni direttamente presso la sede della Servetto S.r.l. prima della scadenza del periodo di 14 giorni.

9.6. I prodotti dovranno essere restituiti mediante plico raccomandato e assicurato completi di tutto l'imballaggio originario (scatole, accessori, cartellini, protezioni, etc…) unitamente alla bolla di consegna accuratamente compilata.

9.7. In conformità all’art. 54 co. 4 del Codice del Consumo, resta a carico dell’Acquirente – Consumatore l’onere della prova relativa all’esercizio del diritto di recesso. L’Acquirente – Consumatore sarà inoltre responsabile della tempestiva restituzione della merce.

9.8. I costi di consegna della merce, oggetto del diritto di recesso, presso la Servetto s.r.l. saranno a carico dell’Acquirente – Consumatore.

9.9. Ai sensi dell’articolo 57, comma 2, del Codice del Consumo, l’Acquirente – Consumatore è responsabile della diminuzione del valore dei prodotti dovuta a manipolazione diversa da quella strettamente necessaria a valutarne la natura, le caratteristiche e l’effettivo funzionamento.
Pertanto, qualora i prodotti restituiti dall’Acquirente – Consumatore risultino danneggiati, incompleti, deteriorati e/o sporchi o in qualunque stato che lasci inequivocabilmente intendere che i prodotti siano stati utilizzati, in modo tale da comprometterne la sostanziale integrità, essi non verranno rimborsati.
9.10. La mancata restituzione del prodotto, entro il termine previsto, sarà intesa quale manifestazione da parte dell’Acquirente- Consumatore della volontà di revoca della dichiarazione di recesso; l’Acquirente –Consumatore tratterrà quindi il bene acquistato e Servetto S.r.l. non sarà tenuta ad alcun rimborso.

9.11. Qualora l’Acquirente –Consumatore eserciti il diritto di recesso, dopo aver presentato una richiesta in conformità ai sensi dell'articolo 50, comma 3, o dell'articolo 51, comma 8 del Codice del Consumo é responsabile del pagamento alla Servetto s.r.l. di costi ragionevoli, ai sensi dell'articolo 57, comma 3 ossia un importo proporzionale a quanto é stato fornito, fino al momento in cui, l’Acquirente –Consumatore ha informato il Fornitore dell'esercizio del diritto di recesso, calcolato sulla base del prezzo totale concordato nel contratto.

9.12. Il diritto di recesso è escluso relativamente alla fornitura di beni confezionati su misura o chiaramente personalizzati

10) GARANZIA DI CONFORMITA’

10.1 L’Acquirente - Consumatore è tutelato dalla garanzia legale di conformità, prevista dal Codice del Consumo, in caso acquisto di prodotti difettosi, che funzionano male o non rispondono all’uso dichiarato o al quale quel bene è generalmente destinato.

10.2 Il Fornitore è responsabile nei confronti dell’Acquirente- Consumatore di qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene eseguita ai sensi dell’articolo 61 Codice del Consumo e che si manifesta entro due anni da tale momento.
L’azione diretta a far valere i difetti si prescrive, salvo vizi dolosamente occultati, in ogni caso, nel termine di ventisei mesi dalla consegna del bene; l’Acquirente-Consumatore, che sia convenuto per l’esecuzione del contratto, può tuttavia far valere sempre i diritti di cui all’articolo 135 -bis Codice del Consumo.

10.3 I beni di consumo sono conformi al contratto se, possiedono i seguenti requisiti soggettivi, ove pertinenti:
a) corrispondono alla descrizione, al tipo, alla quantità e alla qualità contrattuali e possiedono la funzionalità, la compatibilità, l’interoperabilità e le altre caratteristiche come previste dal contratto di vendita;
b) sono idonei ad ogni utilizzo particolare voluto dall’Acquirente -Consumatore, che sia stato da questi portato a conoscenza del Fornitore per iscritto, al più tardi, al momento della conclusione del contratto di vendita e che il Fornitore abbia accettato per iscritto;
c) sono forniti assieme a tutti gli accessori, alle istruzioni, anche inerenti all’installazione, previsti dal contratto di vendita; e
d) sono forniti con gli aggiornamenti come previsto dal contratto di vendita.
Oltre a rispettare i requisiti soggettivi di conformità, per essere conforme al contratto di vendita il bene deve possedere i seguenti requisiti oggettivi, ove pertinenti:
a) essere idoneo agli scopi per i quali si impiegano di norma beni dello stesso tipo, tenendo eventualmente conto di altre disposizioni dell’ordinamento nazionale e del diritto dell’Unione, delle norme tecniche o, in mancanza di tali norme tecniche, dei codici di condotta dell’industria applicabili allo specifico settore;
b) ove pertinente, possedere la qualità e corrispondere alla descrizione di un campione o modello che il Fornitore ha messo a disposizione dell’Acquirente- Consumatore prima della conclusione del contratto;
c) ove pertinente essere consegnato assieme agli accessori, compresi imballaggio, istruzioni per l’installazione o altre istruzioni, che l’Acquirente- Consumatore può ragionevolmente aspettarsi di ricevere; e,
d) essere della quantità e possedere le qualità e altre caratteristiche, anche in termini di durabilità, funzionalità, compatibilità e sicurezza, ordinariamente presenti in un bene del medesimo tipo e che l’Acquirente- Consumatore può ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e delle dichiarazioni pubbliche fatte dal o per conto del Fornitore, in particolare, nella pubblicità o nell’etichetta.
Salvo prova contraria, si presume che qualsiasi difetto di conformità che si manifesta entro un anno dal momento in cui il bene è stato consegnato esistesse già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformità.
L’eventuale difetto di conformità che deriva dall’errata installazione del bene è considerato difetto di conformità del bene se:
a) l’installazione è prevista dal contratto di vendita ed è stata eseguita dal Fornitore o sotto la sua responsabilità; oppure
b) l’installazione, da eseguirsi a carico dell’Acquirente- Consumatore, è stata effettuata da quest’ultimo e l’errata installazione dipende da carenze nelle istruzioni di installazione fornite dal Fornitore.
Non vi è difetto di conformità ai sensi dell’articolo 129, comma 3, e dell’articolo 130, comma 2 del Codice del Consumo, se, al momento della conclusione del contratto di vendita, l’Acquirente- Consumatore era stato specificamente informato del fatto che una caratteristica particolare del bene si discostava dai requisiti oggettivi di conformità previsti da tali norme e l’Acquirente- Consumatore ha espressamente e separatamente accettato tale scostamento al momento della conclusione del contratto di vendita.

10.4 Il Fornitore non è vincolato dalle dichiarazioni pubbliche di cui all’articolo 129, comma 3, lettera d) del Codice del Consumo, quando, anche alternativamente, dimostra che:
a) non era a conoscenza della dichiarazione pubblica in questione e non poteva conoscerla con l’ordinaria diligenza;
b) la dichiarazione pubblica è stata adeguatamente corretta entro il momento della conclusione del contratto con le stesse modalità, o con modalità simili a quelle con le quali è stata resa;
c) la decisione di acquistare il bene non è stata influenzata dalla dichiarazione pubblica.

10.5 In caso di difetto di conformità del bene, l’Acquirente- Consumatore ha diritto al ripristino della conformità, o a ricevere una riduzione proporzionale del prezzo, o alla risoluzione del contratto sulla base delle seguenti condizioni:
I.Ai fini del ripristino della conformità del bene, l’Acquirente- Consumatore può scegliere tra riparazione e sostituzione, purché il rimedio prescelto non sia impossibile o, rispetto al rimedio alternativo, non imponga al Fornitore costi sproporzionati, tenuto conto di tutte le circostanze e, in particolare, delle seguenti:
a) il valore che il bene avrebbe in assenza del difetto di conformità;
b) l’entità del difetto di conformità; e
c) la possibilità di esperire il rimedio alternativo senza notevoli inconvenienti per l’Acquirente- Consumatore.
II. Il Fornitore può legittimamente rifiutarsi di rendere conformi i beni se la riparazione e la sostituzione sono impossibili o se i costi che il Fornitore dovrebbe sostenere sono sproporzionati, tenuto conto di tutte le circostanze, comprese
quelle di cui alle sopra indicate lettere Ia) e Ib).
La riparazione o la sostituzione sono effettuate:
a) senza spese;
b) entro un congruo periodo di tempo dal momento in cui il Fornitore è stato informato dall’Acquirente- Consumatore del difetto di conformità; e
c) senza notevoli inconvenienti per l’Acquirente- Consumatore, tenuto conto della natura del bene e dello scopo per il quale l’Acquirente- Consumatore ha voluto il bene.
Qualora si debba rimediare al difetto di conformità mediante riparazione o sostituzione dei beni, l’Acquirente- Consumatore deve metterli a disposizione del Fornitore. Il venditore riprende i beni sostituiti a proprie spese.
Qualora la riparazione richieda la rimozione del bene installato in modo conforme alla natura e allo scopo dello stesso prima che si manifesti il difetto di conformità, o qualora si riveli necessario sostituire il bene, l’obbligo di riparare o sostituire il bene comprende la rimozione del bene non conforme e l’installazione del bene sostitutivo o riparato, oppure l’obbligo di sostenere le spese di rimozione o installazione.
III. L’Acquirente- Consumatore ha diritto ad una riduzione proporzionale del prezzo o alla risoluzione del contratto di vendita ai sensi dell’articolo 135 -quater del Codice del Consumo nel caso in cui:
a) il Fornitore non ha effettuato la riparazione o la sostituzione oppure non ha effettuato la riparazione o la sostituzione, ove possibile, ai sensi dell’articolo 135 -ter , commi 1, 2 e 3 del Codice del Consumo, oppure ha rifiutato di rendere conformi il bene;
b) si manifesta un difetto di conformità, nonostante il tentativo del Fornitore di ripristinare la conformità del bene;
c) il difetto di conformità è talmente grave da giustificare l’immediata riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto di vendita; oppure
d) il Fornitore ha dichiarato o risulta chiaramente dalle circostanze, che non procederà al ripristino della conformità del bene entro un periodo ragionevole o senza notevoli inconvenienti per l’Acquirente- Consumatore.
L’Acquirente- Consumatore non ha il diritto di risolvere il contratto se il difetto di conformità è solo di lieve entità.
L’onere della prova della lieve entità del difetto è a carico del Fornitore.
L’Acquirente- Consumatore può rifiutarsi di eseguire il pagamento di qualsiasi parte di prezzo fino a quando il Fornitore non abbia adempiuto agli obblighi di legge.
Restano comunque ferme le disposizioni del codice civile che disciplinano l’eccezione di inadempimento e il concorso del fatto dell’Acquirente- Consumatore.
La riduzione del prezzo è proporzionale alla diminuzione di valore del bene ricevuto dall’Acquirente- Consumatore rispetto al valore che avrebbe avuto se fosse stato conforme.
L’Acquirente- Consumatore esercita il diritto alla risoluzione del contratto di vendita mediante una dichiarazione diretta al Fornitore contenente la manifestazione di volontà di risolvere il contratto di vendita.
Se il difetto di conformità riguarda solo alcuni dei beni consegnati a norma del contratto di vendita e sussiste una causa di risoluzione del contratto di vendita ai sensi dell’articolo 135 -bis del Codice del Consumo, l’Acquirente- Consumatore può risolvere il contratto limitatamente ai beni non conformi e a quelli acquistati insieme ai beni non conformi, qualora non sia ragionevolmente presumibile la sussistenza di un interesse dell’Acquirente- Consumatore a mantenere nella propria disponibilità i beni non affetti da vizi.
Se l’Acquirente- Consumatore risolve interamente il contratto di vendita o limitatamente ad alcuni dei beni consegnati in forza del contratto di vendita:
a) L’Acquirente- Consumatore restituisce il bene al Fornitore, a spese di quest’ultimo, e
b) il Fornitore rimborsa al consumatore il prezzo pagato per il bene al ricevimento del bene o delle prove fornite dall’Acquirente- Consumatore in ordine al fatto di aver restituito o spedito il bene.
I rimedi di cui all’articolo 135 -bis del Codice del Consumo si estendono ai casi di impedimento o limitazione d’uso del bene venduto in conformità a quanto previsto dagli articoli 129 e 130, conseguenti ad una restrizione derivante dalla violazione di diritti dei terzi, in particolare di diritti di proprietà intellettuale, fatte salve altre disposizioni previste dall’ordinamento giuridico in tema di nullità, annullamento o altre ipotesi di scioglimento del contratto.

10.6 La contestazione relativa al difetto di conformità dovrà essere fatta pervenire in forma scritta, a mezzo Raccomandata A.R. alla Servetto S.r.l., via Brughetti, n. 32 Bovisio Masciago (MB) ovvero posta certificata all’indirizzo servetto@pec.it, la quale indicherà la propria disponibilità a dar corso alla richiesta, ovvero le ragioni che le impediscono di farlo, entro sette giorni lavorativi dal ricevimento. Nella stessa comunicazione, ove il Fornitore abbia accettato la richiesta dell'Acquirente- Consumatore, dovrà indicare le modalità di spedizione e restituzione del bene nonché il termine previsto per la restituzione o la sostituzione del bene difettoso ovvero il termine per rendere conforme il bene.

10.7 Qualora la riparazione e la sostituzione siano impossibili o eccessivamente onerose, o il Fornitore non abbia provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine di cui al punto precedente o abbia rifiutato di rendere conformi il bene, infine, qualora l'Acquirente – Consumatore chieda, con le modalità indicate nel precedente punto 10.6, a sua scelta, una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto, il Fornitore indicherà la propria disponibilità a dar corso alla stessa, ovvero le ragioni che gli impediscono di farlo, entro sette giorni lavorativi dal ricevimento. Nella stessa comunicazione, ove il Fornitore abbia accettato la richiesta dell'Acquirente - Consumatore, dovrà indicare la riduzione del prezzo proposta ovvero le modalità di restituzione del bene difettoso; in tali casi sarà onere dell'Acquirente- Consumatore indicare le coordinate bancarie per consentire il riaccredito delle somme precedentemente pagate al Fornitore.

11) RESPONSABILITÀ DA DIFETTO, PROVA DEL DANNO E DANNI RISARCIBILI

11.1 il Fornitore, ai sensi degli artt. 114 e seguenti del Codice del consumo, è responsabile del danno cagionato da difetti del bene venduto qualora ometta di comunicare al danneggiato, entro il termine di tre mesi dalla richiesta, l'identità e il domicilio del produttore o della persona che gli ha fornito il bene.

11.2. La suddetta richiesta, da parte del danneggiato, deve essere fatta per iscritto, inviata tramite raccomandata a.r. presso la sede della Servetto S.r.l., in Bovisio Masciago, via Brughetti n. 32 ovvero tramite posta certificata all’indirizzo servetto@pec.it e deve indicare il prodotto che ha cagionato il danno e la data dell'acquisto, con l’allegazione della relativa ricevuta d’acquisto; deve inoltre contenere l'offerta in visione del prodotto.

11.3 Il Fornitore non potrà essere ritenuto responsabile delle conseguenze derivate da un prodotto difettoso se il difetto è dovuto alla conformità del prodotto, a una norma giuridica imperativa o a un provvedimento vincolante, ovvero se lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche, al momento in cui il produttore ha messo in circolazione il prodotto, non permetteva ancora di considerare il prodotto come difettoso.

11.4 Nessun risarcimento sarà dovuto qualora il danneggiato sia stato consapevole del difetto del prodotto e del pericolo che ne derivava e nondimeno vi si sia volontariamente esposto.

11.5 In ogni caso il danneggiato dovrà provare il difetto, il danno, e la connessione causale tra difetto e danno.

12) CAUSE DI RISOLUZIONE

12.1 Le obbligazioni assunte dall'Acquirente, nonché la garanzia del buon fine del pagamento che l'Acquirente effettua, ed altresì l'esatto adempimento degli obblighi assunti dal Fornitore al punto 6, hanno carattere essenziale, cosicché per patto espresso, l'inadempimento di una soltanto di dette obbligazioni - ove non determinata da caso fortuito o forza maggiore, guerra, tumulti, insurrezioni, alluvioni, terremoti, scioperi e problemi di approvvigionamento della Servetto S.r.l., imputabili a terzi fornitori ovvero dall’errata indicazione da parte dell’Acquirente del corretto indirizzo per la spedizione e/o dalle circostanze di cui al precedente art. 8 - comporterà la risoluzione di diritto del contratto ex art.1456 c.c., senza necessità di pronuncia giudiziale.

13) DIRITTI DI PROPRIETA’ INTELLETTUALE

Il marchio “SERVETTO” è di proprietà esclusiva della società Servetto S.r.l. con sede in Bovisio Masciago (MB), via Brughetti, n. 32, iscritta presso la Camera di commercio di Monza e Brianza al n. 01144120159 del Registro delle imprese, codice fiscale n. 01144120159 partita IVA n. 00704600964.

La riproduzione totale o parziale, la modifica o l’utilizzo di detto marchio, per qualunque motivo e su qualunque supporto, senza il preventivo accordo espresso della società Servetto S.r.l. sono assolutamente vietati.
E’ altresì vietata qualsiasi combinazione tra il predetto marchio ed altri marchi, simboli, loghi e più in generale qualunque segno distintivo idoneo a realizzare un logo composito.
Sono altresì assolutamente vietati la riproduzione totale o parziale, la modifica o l’utilizzo di disegni, modelli e brevetti, che risultino di proprietà esclusiva della società Servetto S.r.l.

14) MODALITA' DI ARCHIVIAZIONE DEL CONTRATTO

14.1 Ai sensi dell'art. 12 del D.L.vo 70/03, il Fornitore informa l'Acquirente che ogni ordine inviato viene conservato in forma digitale/cartacea secondo i criteri di riservatezza e di sicurezza previsti dal GDPR 2016/679.

15) COMUNICAZIONI E RECLAMI

15.1 Le comunicazioni scritte dirette al Fornitore e gli eventuali reclami saranno ritenute valide unicamente ove inviate al seguente indirizzo: Servetto S.r.l., Via Brughetti, 32 – 20813 Bovisio M.go (MB), oppure trasmesse via fax al numero 0362.59.19.07 ovvero inviate tramite e-mail al seguente indirizzo info@servettocose.com. L'Acquirente indica nel modulo di registrazione la propria residenza o domicilio, il numero telefonico o l'indirizzo di posta elettronica al quale desidera siano inviate le comunicazioni del Fornitore.

16) FORO COMPETENTE

Per qualsiasi controversia dovesse insorgere circa l’interpretazione e/o esecuzione del contratto concluso tra la Servetto s.r.l. e l’Acquirente - Consumatore, il Foro competente sarà quello del luogo di residenza o di domicilio del consumatore, se ubicato nello Stato Italiano; altrimenti sarà competente il Foro di Monza. Per qualsiasi controversia dovesse insorgere circa l’interpretazione e/o esecuzione del contratto concluso tra la Servetto s.r.l. e l’Acquirente - Professionista, il Foro competente sarà quello di Monza.

17) LEGGE APPLICABILE E RINVIO

17.1 Il presente contratto è redatto in lingua italiana, la quale prevale su ogni altra lingua, ed è regolato dalla legge italiana.

17.2 Per quanto qui non espressamente disposto valgono le norme di legge applicabili ai rapporti e alle fattispecie previste nel presente contratto, ed in particolar modo il Regolamento Roma 1.

Questo sito Web utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web. Ulteriori informazioni
Impostazioni dei cookie

*Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento accedendo alla pagina Impostazioni dei cookie tramite il link disponibile nel footer del sito.
Informazioni Condizioni generali di vendita ServettoCose
CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON LINE BENI DI CONSUMO Versione giugno 2022 Identificazione del Fornitore I beni oggetto delle presenti condizioni generali sono posti in vendita dalla Servetto S.r.l. con sede in Bovisio Masciago (MB), via Brughetti, n. 32, iscritta presso la Camera di Commercio di Monza e Brianza al n. 01144120159 del Registro delle imprese, codice fiscale n. 01144120159 partita IVA n. 00704600964 di seguito indicata come «Fornitore» 1) DEFINIZIONI 1.1 L'espressione «contratto di vendita on line», identifica il contratto di compravendita relativo ai beni mobili materiali del Fornitore, stipulato tra questi e l'Acquirente nell'ambito di un sistema di vendita a distanza tramite strumenti telematici, organizzato dal Fornitore e realizzato in piena conformità alla normativa in materia di vendita a distanza ed in particolare agli artt. 45 e segg. Del Codice del Consumo (D.lgs n. 206 del 6/9/2005 e successive modifiche) 1.2 Con l'espressione “Acquirente”, in assenza di
SERVETTO S.R.L.
ServettoCose Un'idea di Servetto
Via Brughetti, 32 32 Bovisio Masciago 20813 IT +39 0362 558899 info@servettocose.com
ServettoCose
1-1000
SERVETTO S.R.L.
ServettoCose Un'idea di Servetto
ServettoCose